Testimonianze: Hard, Hard, Duro, Genit Life Solo

Sii un genitore solista si basano solo su te stesso. Elenco delle funzioni da assumere (valido al maschile come il femminile): baby-sitter, insegnante, psicologo, taxi, infermiere, lavanderia, cuoco, pediatra, giudice, allenatore, animatore, handyman, doudou, punzonatura-palla …; Programma di missione: dalle 0.00 alle 24 ore; Giorni di riposo: nessuno. Così Anne-Catherine Sabas, psicoanalista e psicoterapeuta, riassume, sorridendo la situazione nel libro delle famiglie preferite, la grande avventura (edizioni di Michalon). Infatti, quando non abbiamo grandi potenze (sei braccia, la donazione della doppia vista e la facoltà di conservare la camera di un bambino in uno scatto delle sue dita), assumere le funzioni solo due adulti hanno già un periodo di tempo difficile, è Un po ‘come sollevare un menhir ogni mattina.

Affaticamento, senso di colpa, peso delle preoccupazioni Non possiamo condividere, mancanza di tempo, mancanza di denaro … I genitori solisti avrebbero una ragione per rompere e ancora, La maggior parte non lo fa. “L’amore li tiene, e con lui le responsabilità che affrontano” Osservare Anne-Catherine Sabas. “Il sorriso dei loro figli finisce sempre per la perforazione, come per magia, il muro dell’angoscia. Queste sono la loro più grande forza, il loro potere segreto.”
Per trovare coraggio in momenti difficili, tutti hanno i suoi rimedi, le sue ancore. Ma sapendo che non siamo soli e altri sono riusciti a superare le stesse difficoltà, conforta. Perché sì, dopo la separazione, la vita va avanti! “Ok, niente non sarà mai come prima, ma è proprio l’opportunità di reinventare la sua vita”, afferma Valérie Romanoff, ipnoterapeuta, lei stessa diventa una mamma da solista alcuni anni fa e autore del genitore Solo (Eyrolles).

Per essere in grado di trasformare ciò che può apparire come un fallimento in un turno di risparmio, è importante costruire nuove abitudini. “Non stare da solo. Trova supporto nel tuo ambiente familiare, avvicinarsi ai padri e alle madri che vivono la stessa cosa di te. Se non lo sai, perché non partecipare alle comunità genitoriali da solista (genitore-solo.fr, uniparent.com)? Riconosciamo nelle storie degli altri e si dice aiuta a intravedere il futuro in un modo più sereno.

“Sento che i miei figli mi mettono in prova per assicurarmi di essere solido”

“Sono stanco, sono stanco e voglio che mi fermassi per piangere. Perché il mio grande mi ha risposto di nuovo con l’insolenza, perché la bambina mi ha fatto vivere una notte del diavolo, perché ho intervistato l’enorme cestino del rivestimenti di stiratura che m “in attesa … e perché durante quel periodo, il mio ex-marito, vive il suo piccolo silenzioso la vita. Lo trovo così ingiusto! A volte sento che i miei figli mi provano: mi spingono nei miei retrocchi per assicurarmi di essere solido, possono contare su di me. Quindi sì, mi dolo di essere. E infine la loro fiducia è la mia ricompensa più bella. “Lena, 37 anni.

video del giorno:

” Non posso sempre contare ! “

” Essere solo mamma è difficile da molti punti di vista. Ma non avrei mai immaginato che la domanda finanziaria diventerebbe un t Lei angoscia. Vivo con la palla dello stomaco. Faccio costantemente conti per affrontare la realtà! Mi sento colpevole di non essere in grado di offrire ai miei figli le uscite e i regali che li renderebbero felici.

Ma allo stesso tempo, mi sento colpevole non appena faccio un gap per rendere la nostra vita più bella ! Non posso sempre contare e vedere il minimo allineato, ancora e persino meno: l’affitto, le accuse, l’assicurazione, il trasporto, il telefono … quindi sì, quando sei una mamma da solista, abbiamo alimenti. Ma oggi, una pensione e uno stipendio medio non sono più abbastanza da vivere. “Leopoldine, 40 anni.

” Ho avuto una terribile sensazione di colpa a non essere in grado di essere lì quando volevo! “

” Sono papà da solo di un ragazzo di 5 anni, alternato. Per me il più difficile da gestire, sono stati gli orari del lavoro. Ero preparatore in farmacia, stavo tornando a tarda notte e stavo lavorando su due fine settimana. Ho avuto una terribile sensazione di colpa di poter essere lì quando volevo! Per non organizzare nulla, il mio datore di lavoro ha fatto tutto per spingermi alle dimissioni.

Con le mie richieste di pianificazione, ero diventato imbarazzante. Mi ha portato direttamente a bruciare. Allo stesso tempo, dovevo trasferirmi perché abbiamo venduto la casa. In altre parole, con tutto ciò, avevo paura di perdere, in aggiunta, la guardia di mio figlio! Queste prove mi hanno portato a darmi molto in questione e volevano aiutare gli altri. Ho creato un blog per soli tre mesi (www.cesstquilpapa.com) per tutti i genitori assoli, papà e mamme. Oggi mi piace quello che faccio, può portare il mio contributo ed essere lì per mio figlio (anche se lavoro molto). E questo è inestimabile! “Jeremy, 39 anni.

” Mi sono bandito a vivere la mia tristezza. Per i miei figli, non ho avuto il giusto “

” mia moglie mi ha lasciato lasciarmi le nostre due ragazze, 7 e 4 anni. Mi sono bannato a vivere la mia tristezza. Per i miei figli, non ho avuto il diritto. Dovevo rimanere forte, positivo, rassicurante. A quel tempo, ero ancora un dipendente. Era abbastanza complicato gestire tutto allo stesso tempo, soprattutto da quando avevo molte riunioni che era impossibile scappare.

Sono arrivato a scuola in esecuzione, Petri di colpevolezza. Quando altri genitori ci vedono mattina e sera all’uscita delle lezioni, finiscono per capire che sei da solo con i tuoi figli. Alcune mamme sono venute a darmi consigli, come se un papà single per prendersi cura di due ragazze, non era normale, non naturale. Gli altri spesso ti mandano un aspetto difficile da sopportare. Vivi in dedizione, il sacrificio stesso, con l’unico obiettivo di vedere i tuoi figli uscire, e ti guardiamo attraverso perché manca un pizzo alla scarpa del grande o che il piccolo piccolo parla troppo forte … è un Poco ripido. “Julien, 44 anni.

Nessuna risposta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *