Spostarsi insieme: Presentazione della situazione legale

ImmoScout24Condividi su Facebook

Quando la singola casa sta espandendo tutto da una mossa: cosa fare quando il proprietario proibisce lo spostamento del nuovo partner o vuole scrivere un nuovo contratto?

Insegniamo a conoscerci, ci innamoriamo e una paura un giorno la necessità di costruire un nido a due . Una sensazione fantastica. Infine, se non c’era il proprietario che decide di mettere i bastoncini nelle ruote. Perché ha il pellet per tornare al contratto di locazione, che stabilisce che la sistemazione è pianificata per una persona. Cosa fare?

Un contratto di locazione non può impedire a una coppia di vivere insieme

in particolare, non disperare. Il numero di persone menzionate nel contratto di locazione è un valore indicativo senza natura obbligatoria. Finché l’alloggio non è sovraffollato, quindi il proprietario non ha il diritto di vietare a vivere con il tuo partner.

La situazione è diversa se si desidera accogliere un sottocatore. In questo caso, è necessario richiedere l’autorizzazione al proprietario. Ma un compagno o un compagno non è un sub-tenant – anche se paga parte dell’affitto.

Come con tutte le regole, ci sono, tuttavia, eccezioni. Se è una coppia il cui partner deriva da un paese al di fuori dello spazio UE / EFTA, l’Autorità di migrazione può sospendere la questione del permesso di soggiorno alla disponibilità di alloggi “appropriati” e, in determinate circostanze, all’accordo del proprietario.

nuovo contratto: tutte le parti devono essere d’accordo

Se il tuo partner si sposta a casa, l’inquilino non può richiedere la scrittura di un nuovo contratto di locazione. In effetti, non si dispone di diritti a tal senso, poiché la conclusione di un accordo di leasing comune richiede il consenso delle tre parti.

Se il vecchio contratto rimane in vigore, significa che solo uno delquilino registrato può affermare i suoi diritti (tranne nel caso del corrispondente proxy). Tuttavia, se sei sposato o collegato da una partnership registrata, il partner che non è menzionato nel contratto ha ancora alcuni diritti degli inquilini.

Esempio: in caso di risoluzione, anche il partner non registrato può anche essere registrato e richiedere un’estensione del contratto di noleggio.

Una terminazione è valida solo se i due partner hanno ricevuto una copia da posta separata. Per questo, il proprietario deve utilizzare un modulo speciale approvato dalle autorità.

È sicuramente, un contratto comune ha un valore simbolico. Ma in caso di separazione, può costituire un ostacolo perché può essere risolto solo insieme. Un partner non può semplicemente ritirarsi senza il consenso dell’altro.

Fai attenzione se il proprietario insiste a scrivere un nuovo contratto comune. In effetti, in determinate circostanze, è possibile negoziare nuove condizioni meno vantaggiose.

Esempio: hai concluso l’ex contratto di noleggio all’inizio del 2009, con un tasso di interesse di riferimento di 3, 5%. Se lo stai sostituendo con un nuovo contratto con un affitto invariato e un tasso di riferimento del 2,75%, questo significa un aumento di affitto nascosto di oltre il 10%.

Suggerimento: Assicurati di dichiarare il tuo partner come compagno di stanza in modo arrabbiato con il contratto di noleggio esistente, piuttosto che concludere un nuovo contratto di locazione comune.

Nessuna risposta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *