polemica. I Celti sono solo un mito?


La storia dell’età del ferro tra la tradizione e la provocazione

l’interpretazione classica
• I Celti sono originari dell’Europa centrale. Circa 500 Av. J. -C., emigrano in tutto il continente e raggiungono le isole britanniche.
• Al culmine dell’età del ferro celtico, circa 250 Av. J.C., le loro comunità prosperano in tutte le isole britanniche e in Francia, in gran parte della Spagna e del Portogallo, il loro dominio che si estende per est a sud della Germania e della Boemia, in una regione situata oggi nella Repubblica Ceca. Le tribù sono presenti anche nel nord Italia e lungo il bacino del Danubio. Una parziale civiltà celtica fiorisce in galatie (attuale tacchino) come risultato di un movimento migratorio dopo 280 Av. J.-C.
• Queste comunità sono considerate socialmente omogenee, caratterizzate da una gerarchia distribuita tra potenti guerrieri e caste religiose. Sarebbero federati dalle loro lingue, dalle arti e dagli artigli.
• Il declino dei Celti è la conseguenza dell’emergere dell’impero romano, le tribù che passano sotto il giogo di Roma. Piuttosto che inseguito, i Celti sarebbero stati romanizzati.
• Tra i resti archeologici, citando il castello di Maiden, vicino a Dorchester, il campo di Stanwick, vicino a Richmond, nel Nord Yorkshire, e le Broch, torri circolari sulla facciata atlantica di Scozia.
• Il più famoso capo delle isole britanniche era Cassivellaunos, che ha lottato contro la prima invasione romana, sotto Jules Caesar, in 54 Av. J.C.

La nuova teoria
• Civiltà celtiche si evolvono in parallelo (solo contatti limitati) dall’età della vecchia età del bronzo. I Celti Gran Bretagna sono considerati comunità indigene. Secondo gli accademici, Galatie è l’unica regione in cui una comunità celtica avrebbe potuto venire a stabilirsi a causa della migrazione.
• Secondo le vestigia archeologiche, le comunità celtiche erano di grande diversità, specialmente in Gran Bretagna. Molti non rispondono allo schema di casta e druidica organizzazione.
• Le lingue celtiche come gaelico, gallese, cornish e il bretone certamente presenti somiglianze, proprio come nei campi dell’arte e degli armamenti. Ma la cultura si è evoluta indipendentemente; i gruppi tribali hanno mantenuto solo contatti limitati.
• La fine della civiltà “celtica” è causata dall’emergenza dell’impero romano, superiore sul PLA N militare, che rompe il potere delle tribù native.

Nessuna risposta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *