Metti il tuo nome qui

ABP ha incontrato i monaci della Chiesa celtica apostolica a Saint-Dolay a Morbihan. Il vescovo Marc ha accettato di rispondere alle domande di ABP sulle origini e le tradizioni di questa chiesa.

è nominato dalla frase “cristiani celtici” la forma particolare del cristianesimo che si è sviluppato nei paesi celtici in tutto il Medioevo alto – che inizia in Irlanda con San Patrizio nel 432 e finisce ufficialmente in Bretagna da La distruzione di Landévennec nell’818 e in Irlanda dalla conquista anglo-normana. La chiesa celtica si distingueva dalla Chiesa romana sostenendo il monachesimo. Non c’erano vescovi, gli abati erano i veri leader di questa chiesa. I nomi di questi leader religiosi sono rimasti in memoria collettiva e sponimi breton dopo la popolare santificazione e integrazione nel leggendario. Questa differenza organizzativa, così caratteristica dello spirito di indipendenza dei Celti era ovviamente più importante dei segni esterni come il tonsuro e la data del festival di Pasqua. Le differenze erano pretesti per conflitti o persino guerre.

Nel 1155, la bolla papale laudabite del Papa (di origine inglese) Adrien concede il suberainté sull’Irlanda al re d’Inghilterra, Henry II Plantagenet. È l’approvazione del Papa per l’invasione dell’Irlanda, che diventa la Signoria dell’Irlanda. Le ragioni del Papa: la Chiesa celtica irlandese è troppo indipendente e si rifiuta di partecipare alle crociate. Conosciamo anche la ferocia del PAPACY per voler allegare i Breton Bishoprici ai tour.

La Chiesa ortodossa celtica, la cosiddetta chiesa celtica apostolica, è una chiesa ortodossa non canonica che afferma l’erede degli antichi cristiani celtici. Il capo della Chiesa porta il titolo di Metropolitan di Dol e Vescovo di Iona, con residenza al monastero della Santa presenza a Saint-Dolay nel Morbihan. Il portante attuale è il suo Beatitutinità Maël dal 1995.

Gestire un considerevole Corpus letterario, grazie al concorso di teologi e storici, poteva ripristinare le forme liturgiche originali del vecchio rito occidentale (Gallican, Mozarabe, Milano e Celtico), che usa oggi per le sue celebrazioni. Allo stato attuale, ha la liturgia eucaristica (Anaforo celtico) e l’ufficio orario. Sta completando gli anafore, il Pontificio (battesimo, ordinazioni, funerali) e il calendario delle letture. Ha adottato il calendario gregoriano per feste fisse e Pasqua.

La Chiesa celtica ortodossa accetta solo i sette primi consigli, ma dalla sua filiazione apostolica ricevuta dalla Chiesa ortodossa siriana, ritiene che solo i primi tre siano veramente ecumenici, cioè da dire Nicée, Costantinopoli ed Efeso, da quando ricevuto da tutte le chiese.

La tua chiesa è chiamata “Chiesa celtica apostolica”. Con la Chiesa Comprendiamo una comunità di fedeli, dal celtico Comprendiamo che riprendi le tradizioni della vecchia Chiesa celtica. Cosa intendi per apostolico e perché il termine apostolico ha sostituito il termine “ortodosso” che sembra che tu abbia usato all’inizio?

r / il termine apostolico significa che una chiesa fu fondata da un apostolo o da un discepolo diretto di Cristo. La nostra Chiesa è apostolica perché è stata fondata da San Giuseppe D’Ariimbatie nell’anno 37. Secondo la tradizione, è fondata nelle isole britanniche, in un luogo situato nell’attuale città di Glastonbury (Somerset).

Il termine ortodosso è sempre usato per la nostra chiesa. Significa che condividiamo la stessa fede delle chiese ortodosse, anche se abbiamo un’organizzazione diversa, disciplina e dogana. I termini apostolici e ortodossi sono in realtà simili perché la fede ortodossa suppone che è trasmesso da una linea di vescovi che risalgono a un apostolo di Cristo.

partecipiamo anche alla rinascita della Chiesa celtica nei paesi anglo-sassoni. I luoghi sacri come Iona e Lindisfarne sembrano abitati di nuovo dalle comunità che sostengono questa chiesa. Hai una affiliazione o una relazione con queste comunità … Le tue affiliazioni sono solo con i testi e i riti che sono esistiti in queste comunità prima della loro scomparsa?

r / Abbiamo buoni rapporti con queste comunità, ma sono per lo più protestanti. Siamo l’unica chiesa ortodossa che rivendica l’erede della tradizione cristiana celtica. Ciò implica la ricerca del rito (liturgia eucaristica, uffici monastici, tutti i riti sacramentalici chiamati euchologe) praticati dai padri celtici aggiornandoli e adattandoli per il nostro tempo.Anche la spiritualità e lo spirito della Chiesa Celtica sono molto importanti. Lavoriamo con i migliori specialisti in questa zona. A nostra conoscenza, nessun’altra chiesa ha fatto lo stesso lavoro di ricerca.

La scomparsa della Chiesa celtica nel Medioevo ha preceduto la scomparsa dei regni celtici? Quando il convioon ha trovato l’abbazia di Santagueur a Redon, non sceglie la regola benedettina, quindi l’obbedienza a Roma? Cosa è successo in Bretagna? Des La distruzione di Landevennec dai Normanni ha segnato la fine della Chiesa celtica in Bretagna come il professor Christian J. Guyonvarc’h affarks?

R / La Chiesa celtica consisteva principalmente di monasteri guidati da un padre spirituale, spesso un nobile di un clan. È vero che c’era una stretta relazione tra il clan e i monasteri. Tuttavia, i numerosi missionari che hanno recitato in Europa della vita nel settimo secolo, dimostrano che la Chiesa celtica non era la Chiesa solo dai Celti. Il messaggio di Cristo e il suo lavoro redentrice sono universali. L’idea di una chiesa legata a un sistema politico era estraneo ai Celti. È normale che una chiesa locale sia stabilita nella coltivazione di un luogo, ma i Celti avevano una visione assoluta di fede, di Dio, che non poteva essere limitata alla concezione politica.

Bretagna ha tentato di mantenere l’autonomia religiosa rispetto alla Chiesa Frankish. Durante la sua indipendenza politica nel IX secolo, crea la metropoli di Dol in modo da non essere sotto l’autorità della metropoli dei tour, ma significa che è già nel quadro della Chiesa romana. Consisteva in diocesi e una metropoli, come tutte le chiese all’interno dell’impero greco-latino. Comprendiamo meglio la scelta del convoglio. Le regole celtiche sono ovunque sostituite da una regola mista o quella di San Benoît. La distruzione dell’Abbazia di Landevennec dei Normanni nel 913, è un simbolo di data perché era una fondamentazione importante, ma come ho detto sopra, Breton cristianesimo celtico aveva allineato con molti punti sul cristianesimo romano.

Dici non canonici, significa che non riconosci l’autorità di Roma?

r / non canonique è un termine preso in prestito da alcune chiese storiche. Ciò significa che non è conforme alle regole stabilite. Ma, infatti, questa definizione è più complessa. In passato, ogni chiesa ha affermato di tenere la verità e gli altri erano eretici e quindi non canonici. Oggi significa che una chiesa come la nostra, la cui vocazione è quella di ripristinare il patrimonio spirituale della Chiesa celtica, per reclamare un ricordo, una tradizione, uno spirito, è considerato da altre chiese come non canoniche, in altre parole: non riconosciute. La Chiesa ortodossa celtica riconosce tutte le altre chiese e lavoriamo per l’unità della Chiesa.

Nel tuo calendario, vediamo molti santi di Bretons che si poteva classificare come santi della vecchia chiesa celtica. Saint Guénole, San Aurelien, Saint Paterne, Saint Mériadec e altri. C’è anche San Brenn, San Brendan, Saint Yves, cattolici canonizzati e santi formalizzati come Sainte Anne. Ci sono anche altri nomi come Gobain, Prospero, Lucien, Teofilo … Come è stabilita questa lista? Su quale base? Chi sta decidendo?

r / i santi sono universali. I vecchi santi furono canonizzati dal Vox Populi. La santità è la stessa cosa sia la Chiesa e le culture. La Chiesa è una e indivisibile. Ogni chiesa sta portando una diversità che non si oppone all’unità. La santità è anche lo specchio di questa unità nella diversità. In un calendario, ci sono santi direttamente dalla propria chiesa, i padri della Chiesa, gli Apostoli o i discepoli che sono universali, della tradizione occidentale, poi altri che hanno dimostrato durante il corso della storia. Non ci sono partizioni in santità. Trascende i limiti e le istituzioni geografiche. Il nostro calendario è stato fissato dal santo santo della nostra Chiesa che è l’assemblea dei vescovi e presieduta da un primato.

Rivendicazione da Saint Tugdual, un eremita moderno degli anni Sessanta che hai canonizzato ed è il fondatore dell’Hermitage di Saint Dinay. Chi era tornoso e qual era il suo lavoro?

r / Tugdual, il cui nome civile era Jean-Pierre Danyel, fu convertito in Cristo durante la sua lunga cattività nella Prussia orientale all’ultima guerra mondiale. Veniva a stabilirsi nel Bocage Breton, al piacere, il Bois-Juhel a Saint Dinay nel gennaio del 1955, per pregare e dedicare la sua vita alla contemplazione. I primi giorni, visse molto male in una capanna di rami.Gli abitanti intorno a lui lo hanno portato qualcosa da nutrire. Poi costruisce una piccola cappella di legno. Ha dedicato il suo eremo verso la Santa Presence. Nel corso del tempo, un duro eremo vive il giorno, ma non potrebbe mai completare la piccola cappella collegata e che può ancora essere visto il clocheton e la croce celtica che lo domina.

Monaco e sacerdote nella Chiesa ortodossa celtica, ha restaurato la spiritualità e la tradizione del monachesimo celtico. Era il vescovo consacrato sotto il nome di Tugdual, uno dei Sette Saints Protectors of Brittany. Era un poeta, un predicatore di talento, conosceva la teologia delle tre grandi confessioni cristiane. È stato anche attribuito a un carisma di Thaumaturge. A volte proveniva da lontano, sperando di ottenere una guarigione. La sua salute era fragile e sapeva che la sua vita sarebbe stata breve. Non c’era meno una vita asceta in povertà, digiuno e preghiera, nonostante l’umidità ricorrente del luogo. Ha recitato il Psalter ogni giorno nella sua interezza.

Il suo lavoro ha vissuto grandi avversità. Morì l’11 agosto 1968, all’età di 51 anni, minato dalla malattia. L’eremo è rimasto abbandonato e uno spesso roncer invadela. Dieci anni dopo, i monaci prese l’eremo per basare un monastero e continuare la missione. La sua spiritualità, la sua mente è sviluppata in venticinque taccuini dove ha registrato le sue meditazioni. Sono stati pubblicati. Nel 1996, la Chiesa ortodossa celtica procedeva alla sua canonizzazione.

Non hai paura di essere anche finalmente recuperato dalla Chiesa romana come la forza o la Chiesa celtica dell’alto Medioevo?

r / il vero pericolo non viene mai dall’esterno, ma dall’interno. La Chiesa celtica avrebbe dovuto sopravvivere all’egemonia romana, ma ha avuto il suo tempo di decadenza. Ricollegare l’exidio di San Gildas il saggio sulle tribù bretone che fuggono l’invasore anglosassone. I Celti non sono mai stati un popolo unificato davanti ai loro nemici e lo stesso individualismo, che è una tara ricorrente nei Celti, era probabilmente una delle cause della decadenza spirituale dei grandi centri monastici. Le distruzioni degli invasori sono conseguenze, non cause. La Chiesa celtica, tuttavia, rimane una forza spirituale la cui chiarezza continuerà a crescere nei prossimi tempi. È la Chiesa celtica come una struttura, ma la sua spiritualità e spirito, perché incarnano la Chiesa indivisa.

Il pericolo di essere recuperato deriva dalla ricchezza. Ricchezza di beni materiali, la perdita di uno spirito di semplicità e povertà, l’orgoglio di avere germinazione per strada e essere politicamente e religiosamente corretti. Non è una questione di essere marginali, ma semplicemente essere fedeli, sinceri e perseveranti in questo ideale e all’arte di vivere in Cristo come i nostri padri hanno così bello testimoniato.

Nel XV secolo, un eremita, François d’Assisi (la cui madre era francese e forse Bretonne), fondò la comunità dei francescani. In molti modi, la sua vita è paragonabile ai nostri santi di Breton Ermites che erano troppo vicini alla natura, ai fini dei limiti dello sciamanesimo da quando hanno anche parlato con gli uccelli, i lupi stessi e potevano comunicare con le forze della natura. Sappiamo oggi che tutta la sua vita François D’Assisi ha ignorato Roma. Non ha reclamato questa chiesa. Negli ultimi giorni, ha ceduto alla pressione di Roma di fronte alle minacce dei panettieri. I francescani sono stati recuperati. Incorporato nella Chiesa cattolica, potrebbero averne anche salvato da un collasso totale. Infine, hanno partecipato alla colonizzazione dell’America ispanica e ha cose che erano certamente contrarie ai principali principi stabiliti da San Francesco, il loro padre spirituale.

r / Lady pica, la madre di San Francesco era probabilmente provenzale, anche se alcuni pensavano che fosse ricoperta. Breton, non credo, ma importanza perché il mondo celtico non è limitato alla Bretagna.

Sì, la spiritualità di San Francesco era piuttosto celtica. Diversi autori hanno sottolineato l’incredibile somiglianza della sua mente con i santi celtici. È comune e comune nella tradizione cristiana che gli animali vivono pacificamente a contatto con i santi, ma è vero che nella Chiesa celtica, sono spesso segnalate le testimonianze della convivenza armoniosa dei santi e degli animali selvatici. San Francesco condivide con i santi celtici dello stesso spirito e spiritualità che abbiamo detto. Tra le caratteristiche principali, c’è peregrinazione, povertà, amore della creazione e di tutti gli uomini e soprattutto, il desiderio di non costituire un ordine monastico come gli ordini religiosi del suo tempo. La scelta della vita monastica è una risposta assoluta all’amore assoluto di Dio per l’uomo.Nessun convento, nessuna istituzione, nessuna proprietà da difendere, nessun papato o chiesa per glorificare. San Francesco è la chiave per capire oggi la Chiesa celtica. Ecco perché lo abbiamo scelto come un protettore del nostro monastero. Tuttavia, San Francesco non era contro Roma. Era contro chiunque perché per lui “l’amore è tutto ciò che è Dio anche”. Non era contro la Roma, ma ha lottato fino alla fine per preservare il suo lavoro. Non ha avuto successo. Alla sua morte, i suoi primi compagni hanno resistito in vana ed è vero che le missioni francescane del Nuovo Mondo non hanno molto da fare con il loro padre spirituale, anche se grandi figure francescane forze ammirazioni.

Riteniamo che lo Spirito di San Francesco, universalmente amato in tutte le religioni, sarà lo spirito che realizzerà l’unità delle Chiese. Non era l’unico, ma è sicuramente colui che meglio incarna un cristianesimo depresso, umile e povero o amore sarà il suo principio vitale.

La Chiesa celtica in Bretagna ha quanti fedeli, religiosi? Ci sono altri centrali di Saint-Dolay? Come vedi il futuro

r / bishop mael, il nostro attuale Primat ha fatto molto per riformare e ripristinare la Chiesa nella sua grande tradizione. È un lavoro lungo e oscuro, ma attualmente stiamo vedendo frutti. Siamo pochi, ma in costante crescita. Ci sono 11 monaci e 3 monalles e parrocchie sparsi in Bretagna, in Francia, in Svizzera, nelle isole britanniche, negli Stati Uniti e nella parrocchia in Australia. Recentemente, tre chiese ortodosse della tradizione occidentale, il cui nostro ha deciso di unirsi, al fine di raggiungere una comunione nello spirito dei nostri padri celtici.

Philippe Argouarch

Nessuna risposta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *