La prima emergenza internazionale condanna l’uso eccessivo della forza contro i manifestanti nella Striscia di Gaza

Pubblicato il 16 maggio 2018 | Premere

Comunicato stampa

Parigi, 16 maggio 2018 – 103 palestinesi, di cui 12 bambini, sono stati uccisi finora dalle forze israeliane a Gaza on L’occasione delle manifestazioni del “Grande Marche Tornee” che è iniziata il 30 marzo. Gazaouis protesta per rivendicare il diritto di ritorno, oltre il 70% della popolazione è registrato come rifugiato e contro il blocco che soffoca il diritto alla vita, al lavoro e all’accesso a servizi di base come la salute o l’istruzione per 11 anni. La prima emergenza internazionale condanna l’eccessivo uso della forza e chiede l’accesso sicuro a terra e mezzi di sostentamento nell’area di confine con Israele.

Gli eventi che hanno avuto luogo lunedì 14 maggio, lo stesso giorno della cerimonia di inaugurazione Della Ambasciata degli Stati Uniti a Gerusalemme, ha registrato il maggior numero di vittime fino ad oggi, con 61 palestinesi uccisi e più di 2.700 feriti, secondo il Ministero della Salute. Gaza. Finora, 12.271 persone sono state ferite, incluse 3.598 da proiettili reali (1). Almeno 21 palestinesi hanno subito un’amputazione membro, a causa della quasi impossibilità di essere deferita a uno specialista medico per la chirurgia al di fuori della Striscia di Gaza. Il 14 maggio, una prima vittima israeliana è stata riportata anche come soldato che è stata leggermente ferita.

Non solo il personale medico ha difficoltà a gestire il numero estremamente elevato di feriti a causa della loro attrezzatura. Bassa qualità e mancanza di droghe, ma sono anche stati l’obiettivo di reazioni violente dalle forze israeliane agli eventi. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), 211 attacchi ai lavoratori sanitari sono stati registrati e le ambulanze sono state danneggiate. Oltre all’accesso ai servizi sanitari, la libertà della stampa è stata anche seriamente minacciata, con due giornalisti che hanno ceduto alle loro ferite dopo aver fatto winking fuori colpi quando hanno lavorato e indossava un giubbotto stampa. Almeno sette sono stati feriti da incendi effettivi il 14 maggio.

Prime chiamate di emergenza internazionale per l’accesso sicuro a terreni e mezzi di sostentamento nell’area di confine con Israele, chiamato area di accesso limitato, dove hanno avuto luogo dimostrazioni e sparating sui civili . In questa zona sono il 35% dei terreni agricoli di Gaza. Una prima valutazione condotta dal Ministero dell’Agricoltura la scorsa settimana mostra che i raccolti di circa 119 agricoltori sono stati colpiti da eventi e rappresaglie israeliani, con conseguente perdita di circa 127.000 USD. “Un’eccessiva ricorso alla forza da parte degli israeliani ha nuovamente colpito l’accesso a mezzanotta a Gazauis al mezzi di sostentamento. Un contadino è stato ucciso dalla palla reale il primo giorno degli eventi mentre lavorava nel suo campo e un altro è stato ferito”, ha commentato Rossella Urru, Internazionale Capo di emergenza della missione nel territorio palestinese occupato. “L’accesso ai mezzi di sostentamento e ai servizi di base dovrebbe essere garantita in qualsiasi momento indipendentemente dall’attuale crisi politica e della sicurezza”.

Primi soci internazionali di emergenza con AIDA, una rete con oltre 80 onGI operanti nel territorio palestinese occupato, condannando l’uso eccessivo della forza. “Secondo il diritto internazionale, gli incendi mortali possono essere utilizzati solo in circostanze in cui vi è una minaccia per la vita imminente. Le forze israeliane devono essere sobita, astenersi da qualsiasi rimedio eccessivo per forzare e rispettare la legge dei palestinesi alla vita, alla salute e alla libertà di incontro. Il personale medico target è una violazione del diritto umanitario internazionale ed è considerata un crimine di guerra sotto lo statuto di Roma. Prevenire le persone ferite di accedere al trattamento è una violazione del loro diritto alla salute ed è equivalente a una punizione collettiva. condannare le esecuzioni illegali di Israele e intensificare la loro pressione su Israele per le pratiche di arresto immediate di utilizzare proiettili reali contro i manifestanti disarmati “.

(1) https://www.ochaopt.org/content/fifty-five-palestinians-killed-and-thousands-injured-gaza

Contatto stampa:

POIAR JÉRôME: +33783425719 /

sulla prima urgenza internazionale

La prima emergenza internazionale è un’organizzazione non governativa di solidarietà internazionale, senza scopo di lucro, apolitico e laico, la cui vocazione è di difendere i diritti fondamentali della persona, come definito in La Dichiarazione universale dei diritti umani del 1948. Il nostro obiettivo: permettere alle popolazioni di recuperare in modo sostenibile autonomia e dignità.

I nostri team mobilitano tutti i giorni per coprire i bisogni di base delle vittime civili messe in pericolo, emarginato o escluso dal pericolo, emarginato o escluso dal pericolo Effetti di disastri naturali, guerre e situazioni di collasso economico. Pertanto, interveniamo in aree complementari come la salute, la sicurezza alimentare, la nutrizione, la riabilitazione e la costruzione di infrastrutture, l’accesso all’acqua, l’igiene e i servizi igienico-sanitari, la ripresa economica, l’educazione e la protezione. La prima emergenza internazionale supporta oltre 7 milioni di persone in 21 paesi in Africa, Asia, il Medio Oriente, i Caraibi ed Europa.

PDF Versione del comunicato stampa p Igienico

Nessuna risposta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *