Karuna Moy Chakma (Italiano)

Durante il corso dei suoi studi legali, Karuna ha appreso che definendo gli scritti di Habeas Corpus, potrebbe sfidare gli ordini di detenzione nella Corte Suprema. Quando Karuna cominciò a contendone di questi casi di detenzione, è venuto sotto il controllo del ramo dell’intelligence dei militari. Decise che apparire in tribunale da solo sarebbe rischioso. Così, nel suo primo caso di detenzione ha fatto tutti i documenti stesso, ma si avvicinò ad un avvocato senior per discutere il caso in tribunale. Questo approccio ha funzionato bene in tutti i suoi casi. Collegando con diversi avvocati senior e organizzazioni dei diritti umani, Karuna è stata in grado di costruire una rete per una maggiore consapevolezza e scambio di informazioni. Gli avvocati di solito lavorano pro bono o addebitano una tassa nominale. Le organizzazioni dei diritti umani e, in alcuni casi, i membri della comunità tribali possono pagare l’intervento del tribunale.Karuna ha generato tre importanti riforme a breve termine. In primo luogo, invece di mantenere i detenuti in custodia per lunghi periodi senza accusa (una violazione diretta della costituzione del Bangladesh), le autorità devono portarle in tribunale entro ventiquattro ore del loro arresto. Secondo, Karuna ha stabilito l’accesso ai tribunali per le comunità tribali e ha iniziato a rompere le loro paure del sistema legale. Ora cercano un risarcimento legale per le richieste di diritti terrestri e altre questioni oltre alle detenzioni illegali. Infine, l’arresto e la detenzione delle persone divennero l’unica responsabilità delle forze di polizia, limitando i poteri dell’esercito.Karuna è stato il primo avvocato ad avviare un procedimento giudiziario. Dal 1990 ha personalmente gestito oltre 200 Petizioni di Habeas Corpus Writ e ha ottenuto il rilascio di tutti tranne un imputato. Ha avviato vicino a 40 casi per conto delle vittime accusato di sedizione e ha vinto tre. I casi rimanenti sono in trial.karuna impegnati fortemente a garantire che le violazioni dei diritti delle popolazioni indigene non ricorrenti e abbia iniziato un programma completo per garantire l’applicazione dei loro diritti. In primo luogo, ha presentato una petizione che sfida un ordine governativo che ha dichiarato quindici acri di foresta una riserva off limits alle comunità indigene che dipendono da esso per i loro mezzi di sostentamento. Le persone indigene locali possono essere perseguitate per sconfiggere o utilizzare le foreste; Tuttavia il governo non ha preso provvedimenti per riabilitare queste comunità, in termini di risarcimento o reinsediamento. Karuna ritiene che i diritti ambientali di queste comunità debbano essere legalmente salvaguardosi contro le violazioni del governo. Sta usando le esperienze delle popolazioni indigene locali per spingere per la riforma legale nazionale e ha recentemente ottenuto un soggiorno contro il governo per non seguire la corretta procedura nell’attuazione del progetto Forest Reserve.Karuna sta sviluppando un servizio di consulenza per aiutare le comunità locali di utilizzare le proprie risorse in modo efficiente. Poiché è difficile per le famiglie delle vittime pagare per le procedure giudiziarie, Karuna spesso consiglia ai clienti di portare i casi direttamente all’Alta Corte. Sta anche allenando un team di quattro avvocati per i diritti umani con sede in tre distretti dei tratti di collina e nella città di Chittagong. Ciò consentirà di trasferire i suoi metodi e le sue tecniche ad altri avvocati e organizzazioni del settore dei cittadini che possono utilizzare le sue esperienze per assistere altri gruppi indigeni e campagne ambientali. I precedenti legali stabiliti dal suo lavoro hanno permesso alle persone di collina per accedere al sistema di giustizia e ha sollevato la loro consapevolezza delle questioni legali che li riguardano. Per diffondere il suo approccio agli individui tribali al di fuori dei tratti tribali di Chittagong, Karuna intende creare Un’associazione di avvocati incentrata sui diritti umani e sulle questioni indigene. Ha già stabilito connessioni con alcuni avvocati senior e ha in programma di continuare a rafforzare questa rete. Ha incontrato e ha condiviso le sue esperienze con le persone tibetane che hanno sofferto ingiustizie sotto l’occupazione cinese molto simile alla collina tratti di persone tribali in Bangladesh. Molto recentemente, si è incontrato con persone indigene malaysiane, 10.000 di cui la dislocazione del volto a causa di una nuova diga nella loro regione.

Nessuna risposta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *