Istituto nazionale di consumo (Italiano)

Le regole per l’etichettatura della carne self-service in superfici di grandi e medie dimensioni (GMS) sono fissate dal decreto del 18 marzo 1993 relative ai prezzi pubblicitari per i glutei modificati e frese freddi.

Il nome del pezzo di carne
I pezzi di carne preconfezionati di carne di manzo, vitello e pecora (pecore) sono raggruppati insieme, per lo stesso animale, sotto la stessa denominazione generica ( Bistecca o arrosto per esempio). L’etichetta non indica il nome preciso del muscolo (ad esempio: tacco della tranche o gemella gemella).

Il potenziale della qualità
Questa denominazione generica è accompagnata dal potenziale di qualità del Canzone come stelle, il potenziale di altissima qualità indicato da tre stelle (***) con il potenziale più basso indicato da una singola stella (*).

La modalità di cottura
Tutte le carni non possono essere cotte allo stesso modo. Questo è il motivo per cui è necessario indicare la modalità di preparazione: “Simmer”, “per grigliare” o “arrostire”.

Nessuna risposta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *