Infezione in Chlamydia: quali conseguenze per gli anziani?

Risposte con il Dr. Jean-Marc Bohbot, Andrologist e Professor Gilles Pialeux, capo del Dipartimento di Malattia infettiva e tropicale dell’ospedale Tenon:

“Infezione Chlamydia è una delle infezioni più frequenti, ad eccezione del più comune in termini di infezione sessualmente trasmessi. Questa infezione è dovuta a un piccolo batterio che ha la particolarità dell’invasione delle cellule e quindi di evolvere a basso rumore (nessun sintomo), il che rende la sua pericolosità . Nell’uomo, l’infezione in Chlamydia dà una piccola uretrica, vale a dire un piccolo flusso o semplicemente bruciati urinando o una sensazione di formicolio nel canale urinario. E nella donna, l’infezione della clamidia dà pochissime sintomi a volte alcune perdite ma È abbastanza banale.

“Il pericolo riguarda in particolare le persone più giovani in particolare nelle donne poiché è una delle principali cause di sterilità nelle donne. Nelle donne anziane, questa infezione si risolve semplicemente con un trattamento antibiotico, è ancora necessario che la diagnosi sia fatta. La clamidia è trasmessa indipendentemente dal tipo di relazione sessuale come la maggioranza di STIS, vale a dire sia la relazione vaginale che una relazione orale. “

” Gli anziani hanno perso le opportunità di diagnosi. E la clamidia è una causa di complicazioni in modo da una valutazione della sterilità, i saldi della sterilità consentono la diagnosi di infezione sessualmente trasmessa. E gli anziani sfuggirono a queste valutazioni, questo è il motivo per cui le persone di età superiore ai 50 anni comprese le donne hanno in seguito diagnostiche e infezioni sessualmente comunicabili a causa di queste opportunità perse. “

Ulteriori informazioni sulla sessualità degli anziani

Cartella:

  • Anziani: una sessualità ancora difficile da assumere

Domande / risposte:

Nessuna risposta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *