Google ADS (Italiano)

Quando un utente utilizza Google, vengono visualizzati due elenchi di risultati: al centro della pagina, il motore di ricerca risulta stesso, classificato secondo i criteri “obiettivi” – denominato Risultati naturali (vedi Googlebot e il sistema PageRank); E nella parte superiore della pagina, i risultati degli annunci Google Régie, denominati collegamenti sponsorizzati. Google sfrutta il vantaggio del proprio motore di ricerca vendendo questo spazio pubblicitario sotto forma di clic per gli inserzionisti che desiderano apparire seguendo una “ricerca” fatta da un utente.

Con Google ADS, annunci pubblicitari:

  • sulle pagine di ricerca di Google (se digiti la parola chiave “auto”, annunci pubblicitari mirati per auto);
  • su Gmail (con AdSense: Dici l’e-mail ad un amico che sei Alla ricerca di un’auto, le pubblicità mirate per le auto appaiono; il targeting viene eseguito automaticamente e nessun umano legge la tua email);
  • sul motore di ricerca dei partner di Google (AOL, GRATIS, Amazon, ecc.);
  • sulla rete di visualizzazione (siti personali o aziende di terze parti con AdSense: Google viaggia il tuo sito con Mediapot, e se il tuo sito personale parla di auto, annunci pubblicitari mirati per le auto e Google ti pagano una percentuale di il clic pagato da L’inserzionista che vende automobili; Se il tuo sito critica i fast food, l’inserto pubblicitario potrebbe visualizzare annunci pubblicitari che personalizzano i meriti di tel o tel hamburger); Dal 19 febbraio 2015, la selezione del sito di nicchia nel sottodominio non è più disponibile in Google ADS. C’è, tuttavia, un’opzione Advanced Google ADS (aggiunta di più siti contemporaneamente “) che consente di indirizzare i sottodomini o una pagina specifica o una directory di un sito in modo che l’inserzionista possa trasmettere pubblicità su questa rete di visualizzazione.
  • su app smartphone (tramite la sua controllata Amob).

Questa pubblicità sarebbe molto efficace perché consente di indirizzare gli utenti Internet in base alla ricerca eseguita. Tuttavia, rimane per dimostrare da un lato il collegamento e le probabilità esistenti tra la digitazione di una parola chiave e quella di fare clic su pubblicità e dall’altra parte tra clicca sulla pubblicità e quindi acquistare il prodotto.

Tuttavia uno studio condotto dal francese Public Opinion Institute (IFOP) per l’Agenzia AdWords Ad ‘Up Agency nel giugno 2013 Specifica che il 52% degli utenti di Internet clicca sui collegamenti sponsorizzati quando fanno una ricerca su Google. Il 36% degli utenti di Internet non distingue tra risultati naturali e collegamenti sponsorizzati.

Il principale interesse commerciale di Google Ads, oltre al look della pubblicità diretta, è consentire all’utente di Google Ads di impostare un budget giornaliero per le sue trasmissioni di Google ADS. Ciò consente un controllo totale del suo budget pubblicitario. Quando il numero di clic ha generato un costo uguale al budget fisso, l’annuncio sarà quindi trasmesso fino al giorno successivo, fino al + 20%.

Nella rete di ricerca, Google ha messo in atto un sistema di punteggio che valuta l’adeguatezza tra la parola chiave, la rilevanza della pagina AD e della pagina di destinazione, questa nota (tra 0 e 10) può influenzare la classificazione dell’annuncio. Google vuole dare ai suoi utenti risultati pertinenti.

È possibile, inoltre, di deviare adsense (facendo clic su frodi), mentre gli stessi inserzionisti sono stati in grado di pagare i siti pagati per fare clic, dove hanno proposto alle persone a guadagnare dai soldi facendo clic su ADS (aspettando Che queste persone sono poi andate a comprare i loro prodotti, anche se il loro motivo primario è fare soldi, non spenderlo).

A giugno 2018, Google annuncia che AdWords cambia nome e semplicemente diventa annunci. Dietro questa riprogettazione del marchio, Sridhar Ramaswamy, il capo della pubblicità su Google, indica la volontà di riorientare la strategia aziendale del marchio a concentrarsi più specificamente su artigiani e piccole imprese.

Livello. Qualità di un AnnoneCode

Per garantire che l’annuncio sia rilevante per gli utenti di Internet e per la loro esperienza di ricerca, Google Ads tiene conto del livello di qualità di un annuncio. Questo punteggio da 1 a 10 mostra la qualità di un annuncio relativo a una parola chiave. Questa stima di qualità si basa su 3 criteri basati sugli aiuti di Google Ads:

  1. Tasso di clic previsto
  2. Pertinenza dell’annuncio
  3. convivialità della pagina di destinazione

Nessuna risposta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *