Chromium (Italiano)

Lo sapevi?

i – the chrome, cos’è?
cromato , Il segno chimico CR e il numero atomico 24, è un elemento di traccia relativamente costante nel corpo all’analisi biochimica ma in quantità molto piccole.
C’è essenzialmente in due forme, una forma esavalente (CR6 +) tossico per l’uomo e un forma trivalente (CR3 +) fisiologica e non tossica.
Questo svolge un ruolo nei lipidi del metabolismo, i carboidrati e le proteine e ha un’attività antiossidante.
II – Cause e conseguenze della carenza di Chrome
Cause
Le carenze cromate sono rare nei paesi industrializzati, ma possono verificarsi nei seguenti casi: malnutrizione (eccesso di consumo di zucchero), gravidanza, stress, corticosteroidi.
Conseguenze
Chrome fa parte di oligoelementi essenziali a rischio di carenza dimostrata in umani.
La carenza di Chrome può comportare diversi disturbi di zuccheri e metabolismo lipidico: intolleranza al glucosio, iperglicemia, iperlipidemia, ipercolesterolemia, ipertrigyceridemia, alta insulnemia.
La probabilità di sovradosaggio cromata è basso. I casi riportati rari evocano reazioni cutanee infiammatorie e membrane mucose, compresa la mucosa nasale quando inalata.
III – Come agisce?
nel saldo glicemico: Chrome svolge un ruolo chiave nell’equilibrio dei carboidrati tramite un effetto potenziante dell’insulina. Induce un aumento del numero di recettori dell’insulina e aumenta la sua affinità per il suo ricevitore. Il glucosio viene quindi assorbito da cellule che garantiscono la regolazione del glucosio del sangue.
Chrome è anche un co-fattore di cromodulina, piccole proteine che facilitano il trasporto di insulina al ricevitore.
nel metabolismo delle proteine:
Integrazione cromata migliora anche l’assorbimento del glucosio e il metabolismo aumentando la sintesi proteica che costituiscono recettori di insulina.
in metabolismo Lipids:
Chrome consente una migliore sensibilità all’insulina ridistribuendo il trasportatore del glucosio su la superficie della membrana cellulare riducendo la quantità di colesterolo di questa membrana. Il cromo inibisce un enzima epatico (hmgcoa reduttasi) che partecipa alla sintesi del colesterolo, da qui un effetto ipolipico. L’integrazione cromata ha un effetto benefico sul profilo lipidico: diminuito i livelli e i trigliceridi totali di colesterolo e l’aumento del colesterolo HDL (chiamato anche buon colesterolo).
Nel processo infiammatorio:
Chrome avrebbe un effetto antiossidante indiretto che avrebbe passato dalla regolazione dei livelli pro-infiammatori e dell’insulina di molecole pro-infiammatorie. Questi ultimi sono indicatori biologici la cui elevazione nel sangue è associata a un importante stress ossidante.
iv – Quali sono le fonti del cromo?
In cibo
Carne e prodotti lattiero-caseari sono le principali fonti di Chrome. Tuttavia, le diete piene di grano (pane, biscotti, pasta) e zucchero rosso portano quantità significative anche.
troverai al di sotto di un elenco non esaustivo degli alimenti principali il cui contenuto cromato è interessante: il lievito di birra, fegato, carne, Tuorlo d’uovo, erbe aromatiche, spezie (timo, pepe nero), frutti semilitici (noci, nocciole, mandorle), germe di frumento, cereali full, cioccolato fondente, Gruyère, prodotti lattiero-caseari, funghi, frutta, mele, prugne, broccoli, verde fagioli, asparagi, patate, caffè, tè (bevande stimolanti).
in integratori alimentari
Il successo di una supplementazione cromata dipende da:

– > La forma cromata utilizzata: gli studi condotti con cloruro di cromo hanno mostrato scarso effetto. D’altra parte, Chrome Picolinato sembra più efficiente. Infatti, alla dose di 1000 μg / d, il corpo assorbe il cromo dello 0,4% dal cloruro di cromo, mentre per il cromo picolinato, questo tasso può raggiungere il 2,8%.
– – > La durata della supplementazione: è più difficile evidenziare un profitto di cromo quando ci vuole per meno di due mesi. uanto assorbito?
L’assorbimento del cromo del cibo varia tra circa 0,5 e 2%: quindi possiamo parlare di un assorbimento molto basso, la maggioranza non è assorbita ma eliminata nello sgabello.
Il tasso cromato assorbito dipende dalla dose di cromo ingerito e la forma in cui è.
Chrome Picolinato (Chelato neutro nel corpo) è la forma preferita per molti integratori alimentari perché il meglio assorbito.L’assorbimento del cromo è inversamente proporzionale al suo contributo (2% per contributi di 10 μg / d, dello 0,5% per assunzioni di 40 μg / d e dello 0,4% per contributi superiori a 50 μg / d).
V – Cosa sono I contributi nutrizionali raccomandati (ANC)? Di seguito i contributi nutrizionali consigliati per il cromo secondo l’ANSM.
13-19 anni: 50 μg / giorno Adulti: 55 μg / j
Uomo adulto: 65 μg / j
Donne incinte: 60 μg / j
Men’s Oltre 65 anni: 70 μg / giorno Donne oltre 65: 60 μg / j
Fonti:
-Abraham come, Brooks BA, Eylath U. Gli effetti della supplementazione del cromo sul siero Glucosio e lipidi in pazienti con e senza non insulina a seconda del diabete. Metabolismo, 1992, 41: 768-771.
-ANTON S.D., MORRISON C.D., CEFALU W.T., ET AL. Effetti del cromo Picolinato sull’assunzione di cibo e sulla sazietà.Adiabetes Technolo. Ther., 2008, 10: 405-412.
-Anderson R.A., Roussel A.m., Majhob S., Zouari N., Matteau J.m., Kerkeni A. Antiossant potenziali effetti di Zn e CR completenze in persone con il diabete di tipo 2 mellitus.?j. Am. Coll. IST., 2001, 20: 212-218.
-Balk Em, Tatsioni A., Lichtenstein Ah, Lau J., PITTAS AG Effetto del completamento del cromo sul metabolismo del glucosio e sui lipidi: una revisione sistematica di sperimentazioni controllate randomizzata .? Diabetes Care, 2007, 30: 2154-2163
-cefalu wt, Rood J., Pinsat P., et al. Caratterizzazione della risposta metabolica e fisiologica al completamento del cromo nei soggetti con diabete di tipo 2 mellito. Metabolismo, 2010, 59: 755-762.
-Doker J.P., Sack D.A., Roffman M., Finch M., Komorowski J.R. Doppia tenda a doppio cieco, controllata con placebo, Trial Explorator di Chromium Picolinato nella depressione Atipica: effetto sulla brama di carboidrati.? J. Psychiatr. Pravetta., 2005, 11: 302-314.
-Hininger I., Benaraba R., Osman M., Faure H., Roussel A.M., Anderson R.A. Sicurezza del complesso trivalente Chromium: nessuna prova per il danno del DNA nei keratinociti di Hacat umani. Radico libero. Biol. Med., 2007, 42: 1759-1765.
-nece. Riassunto esecutivo della terza relazione del Pannello esperto del programma di valutazione del colesterolo nazionale sul rilevamento, valutazione e trattamento del colesterolo alto del sangue negli adulti (Pannello per il trattamento degli adulti III).? JAMA, 2001, 285: 2486-2497.
-Qiao W., Peng Z., Wang Z., Wei J., Zhou A. Chromium migliora l’assorbimento del glucosio e il metabolismo attraverso il sollevamento dei livelli dell’mRNA di IR, Glut4, GS e UCP3 nelle cellule muscolari scheletriche .?Bool . Trace Elem. Res., 2009, 131: 133-142.
-Shindea u.a., Sharma G., Xu Y.J., Dhalla N.S., Goyal R.K. Insulina Sensibilizzazione Azione del cromo Picolinato in vari modelli sperimentali di diabete mellitus.?j. Trace Elem. Med. Biol., 2004, 18: 23-32.
-Vincent J.b. Recenti progressi nella biochimica nutrizionale del cromo trivalente. Proc. Sostantiva. SOC., 2004, 63: 41-47.
-wang H., Kruszewski A., Brautan D.L. Miglioramenti dei cromo cellulare Attivazione del recettore dell’insulina Kinase.?Bihemistry, 2005, 44: 8167-8175.
-Wang Y.Q., Yao M.H. Effetti del cromo Picolinato sull’approvazione del glucosio negli adipociti 3t3-L1 resistenti all’asulina Coinvolgono l’attivazione di P38 Mapk.?j. Sostantiva. Biochem., 2009, 20: 982-991.

Questi articoli potrebbero interessarti

hafnia alvei

hafnia alvei a La prima volta identificata nel 1954 in latte crudo, poi trovato di nuovo nei tradizionali formaggi di camembert o livarot …

zinco

Lo zinco è il minerale più abbondante nel corpo umano dopo il ferro. Essenziale per il corpo, lo zinco è un’oligoelazione che è in diversi cibi della vita di tutti i giorni …

Nessuna risposta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *